CAMPIONATI ITALIANI DI DUATHLON CLASSICO – VERONA 20 LUGLIO 2008

 picco-dotti-alessandri-italiani-verona.jpg

 

Bello lo scenario, quello del centro di Verona, affascinante il titolo, “1° Duathlon Romeo e Giulietta”: quello di domenica 20 luglio è stato un grande Campionato Italiano Individuale di Duathlon per “elite” e “age group”.Oltre 470 atleti si sono dati battaglia su un percorso impegnativo, in particolare nella frazione ciclistica dove una bella salita di 4 km (da ripetersi due volte) ha messo a dura prova gli atleti. La distanza era quella classica: 10 km di corsa, 40 in bicicletta e ancora 5 di corsa. Come ormai da tradizione il Triathon Duathlon SGR Rimini ha partecipato con uno straordinario numero di atleti, ben 31.Il bottino di medaglie è stato notevole, a partire dal fuoriclasse torinese in forza al TD Alessio Picco (classe 1981) che ha tagliato il traguardo al secondo posto, con il tempo di 1h56’46’’, dietro all’ex professionista del ciclismo Fausto Dotti della società Carlo Poletti (1h55’41’’) e davanti al proprio capitano Alessandro Alessandri che, in forma esaltante, ha guadagnato la terza posizione (davvero l’ennesimo risultato a livello nazionale per il campione riminese) con 1h57’07’’.Successo anche “in rosa” per il TD che piazza ancora una volta il suo “nuovo acquisto” siciliano, la straordinaria Maria Alfonsa Sella, al secondo posto con il tempo di 2h14’41’’. Meglio di lei ha potuto solo la grande campionessa Laura Giordano (Silca Ultralite Vittorio Veneto) che con una gara in solitaria ha tagliato per prima il traguardo in 2h11’32’’. Medaglia di bronzo a Ljiudmilla Di Bert (Triathlon Cremona Stradivari) con 2h15’20’’.La gara femminile è effettivamente stata a totale appannaggio della Giordano, che ha condotto la competizione dall’inizio alla fine. Ottima comunque la prestazione della Sella che aggiunge un altro successo ai numerosi già ottenuti quest’anno.Più combattuto il “match” maschile: “Sono partito abbastanza forte – racconta Picco – proprio perché sapevo che il mio diretto avversario, Dotti, era più abile di me in bicicletta. La prima frazione di corsa è andata molto bene, ho cambiato davanti a tutti con 30 secondi di vantaggio. Dietro di me c’era Alessandri, in grande forma. Come previsto poi però Dotti ha recuperato nella parte ciclistica, mi ha raggiunto già al primo giro per poi superarmi nel secondo. L’importante salita di 4 km che s’inerpicava nella prima parte del circuito ha infatti segnato la gara a favore degli atleti più forti nel ciclismo. Nell’ultima frazione di corsa ho cercato di dare il massimo, ma non ho più recuperato lo svantaggio subìto in precedenza. Sono comunque soddisfatto della mia gara. Ora l’obiettivo è prepararsi per i Mondiali di Rimini, dove voglio assolutamente fare meglio”.Oltre ai due atleti andati a medaglia, il TD ne ha piazzati altri nelle prime posizioni “elite”. Lo spoletino PierGiorgio Conti ha raggiunto il settimo posto, all’ottavo si è piazzato Marco Verardo, mentre la roccia Massimo Torsani al decimo. Con cinque atleti nei primi 10 posti il TD Rimini si conferma ancora una volta leader nazionale della disciplina del duathlon.“Per quello che riguarda la mia prestazione – afferma il capitano Alessandri – sono molto contento. Ho potuto ‘testare’ il mio livello di forma in previsione del Mondiale e ho capito che posso insistere e che la mia condizione può ancora crescere. Anche per tutta la squadra esprimo una grande soddisfazione, nonostante abbiamo perso proprio il primo posto. D’altra parte non si può sempre vincere, a volte occorre lasciare qualcosa anche agli altri… Comunque con tre medaglie elite, due age group e cinque atleti nelle prime 10 posizioni elite, abbiamo dimostrato che il TD Rimini è presente ed è in grande condizione”.Belle sorprese e buone conferme arrivano infatti anche dal settore degli amatori, quello cioè degli “age group”. Il giovane ventiseienne riminese Francesco Vittori (da poco tempo dedicatosi al duathlon) ha infatti vinto la sua prima medaglia d’oro a livello nazionale sbaragliando gli avversari nella categoria S2 (25-29 anni). A Onorio Pompizii, classe 1957, il compito di tenere alto l’onore degli atleti “storici” del TD. L’atleta riminese ha infatti guadagnato la medaglia di bronzo nella categoria M3 (50-54).

 

 

Scrivi un commento